Alabastro di Volterra: l’alabastro di Volterra, il più pregiato d’Europa, è un solfato di calcio bi-idrato

Alabastro di Volterra: l’alabastro di Volterra, il più pregiato d’Europa, è un solfato di calcio bi-idrato

Italiano English Russian
LA COOPERATIVA L' ALABASTRO PROGETTAZIONE E LAVORAZIONE PRODOTTI CONTATTI
Artieri Alabastro
Visite guidate
Alabastro a Volterra

L'alabastro di Volterra

Cava di alabastro L’alabastro di Volterra, il più pregiato d’Europa, è un solfato di calcio bi-idrato e risponde alla formula chimica CaSO4 2H2O. La sua formazione risale a circa 6-7 milioni di anni fa e si trova nel territorio volterrano in cave a cielo aperto o in gallerie. Il materiale si trova in blocchi compatti, di forma ovoidale di varie dimensioni.

 

Ogni cava genera una tipologia di alabastro diverso per aspetto e consistenza, dovuto al variare della composizione chimica del terreno; quindi le varietà meno ricche di inclusioni risultano bianche, più o meno trasparenti; inclusioni di argilla e ossidi metallici danno origine ad alabastri tendenzialmente grigi venati(bardiglio); altre colorazioni ambra, giallo e rossastro sono dovute ad ossidi e idrossidi metallici, in special modo ferro.

Tipologie di materiali


L’alabastro, minerale molto duttile, può essere lavorato più facilmente del marmo e può riprodurre a scala ridotta dei motivi decorativi ricchi di dettagli. Ancora oggi si lavora con gli stessi metodi del passato; per rendere una visione più chiara diremo che in larga parte sono usati gli stessi attrezzi che si usano per la lavorazione del legno.

Strumenti per la lavorazione dell'alabastro Strumenti per la lavorazione dell'alabastro

La lavorazione dell’alabastro è sicuramente una delle tecniche artigianali più antiche ancora esistenti. Il legame tra il materiale e la comunità affonda le sue radici all’origine stessa della città, come in altri casi infatti gli etruschi, che per i loro insediamenti prediligevano terreni e materiali adatti per le necropoli, scelsero i giacimenti di alabastro. L’inventiva e la capacità manuale degli artigiani di Volterra, rende la lavorazione dell’alabastro unica nel suo genere.

 

Artigiani alabastraio a lavoro I prodotti sono il risultato di un ciclo di lavorazione che spesso richiede l’intervento di diversi artigiani prima di essere immessi sul mercato. Gli attori del processo produttivo sono: gli “squadratori” , coloro che fanno gli oggetti quadri, i “tornitori” che fanno i pezzi tondi ovvero oggetti circolari o sferici, gli “ornatisti”specializzati nell’ornato e gli scultori i quali dal blocco di alabastro ricavano, a mano libera o con l’ausilio di calchi in gesso dalle quali rilevare le misure, delle vere e proprie sculture. Tutte le lavorazioni sono eseguite artigianalmente con tecniche derivate dalla tradizione.

Società Cooperativa Artieri Alabastro

via Provinciale Pisana, 28 Volterra 56048 (Pisa)

Tel. +39 0588 86135 - Fax +39 0588 86224

P. Iva 00116100504

 

Area riservata


DigitalMODI - siti internet Siena